Sono sbocciate le parole che non ti ho scritto.
Sanno di madri e padri che non ci sono più.
Sanno di mare,
di una casa che si apre in estate,
del sole che entra tra le fessure
e illumina un viso.

Sa di rugiada appena versata,
la tua bella di notte,
sul tempo che è passato,
sull’ amore che non passa.

© LG. 633/1941

© Copyright testo 2018

Ogni Diritto riservato all'Autrice