Cara me

Pensieri, parole, versi.

Un giorno

Posted on by Fabiana Agnello

Succede che tu guardi il mare ed arriva il caso in cravatta giocando tra le dita dello spazio e del tempo. Non ce l'ho con il mare, ma con la gioia raggiante e illusoria di una presenza. Le persone si perdono e si ritrovano tra le pagine di un libro mezzo aperto intitolato destino. Faccia a faccia in un ascensore, nello stesso supermercato e sull'aereo per Milano. Ci si guarda. E si sorride. Perché deve esserci un senso se siamo...
Continua...

Eroi

Posted on by Fabiana Agnello

Chi mi ha salvata da uno squallido destino ha ricevuto in dono una rosa rossa per ogni sguardo di paura rassicurato. © LG. 633/1941 © Copyright testo 2018 Ogni Diritto riservato all'Autrice...
Continua...

Prodigio

Posted on by Fabiana Agnello

Tutto ciò che è entrato nella mia carne ha a che fare con te. Non mi interessa nulla se non possedere i tuoi sogni, luce e radici della mia vita. Sono uguali tutti i giorni della Terra se non mi accarezzi la pelle. E le stelle hanno la consistenza del latte quando chiudi gli occhi. Sei nutrimento fedele delle mie ossa e fioritura dei sorrisi mattutini. © LG. 633/1941 © Copyright testo 2018 Ogni Diritto riservato all'Autrice...
Continua...

Goodbye

Posted on by Fabiana Agnello

Questa mattina ho perso la ragione. Ho vuotato la coppa di latte e cereali senza sapere dove annegare la malinconia infinita. Poi ho varcato la soglia della porta e tristezza, tristezza! Il sole è andato via. Abitava a due isolati da me. (al mio vicino) © LG. 633/1941 © Copyright testo 2018 Ogni Diritto riservato all'Autrice...
Continua...

A'Mare

Posted on by Fabiana Agnello

Se sapessi tradurre la lingua del mare scriverei versi di piuma come un cuore appena nato, versi tiepidi come letti di amanti al termine della notte; e versi di miele come il sorriso di chi ha appena sognato. © LG. 633/1941 © Copyright testo 2018 Ogni Diritto riservato all'Autrice Riserva Marina di Torre Guaceto (BR)- 13 marzo 2018...
Continua...

Mimose

Posted on by Fabiana Agnello

Matilde di Canossa Cristina Trivulzio di Belgiojoso Maria Montessori Grazia Deledda Sibilla Aleramo Rita Levi- Montalcini Nilde Iotti Margherita Hack Angela Giussani Tina Anselmi Oriana Fallaci Franca Viola Ilda Boccassini Mia madre Samantha Cristoforetti © LG. 633/1941 © Copyright testo 2018 Ogni Diritto riservato all'Autrice...
Continua...

Sentire

Posted on by Fabiana Agnello

La tua ombra non è più con me. Ma l'anima mi appartiene ancora. Ti scrivo per dirti che la gioia è duratura. Che non dobbiamo attendere la fioritura delle margherite, il solleone o la luna piena. Agli elementi immutabili dovremmo preferire le cose che cambiano come i giorni e le notti, l'alternarsi delle stagioni, te e me. Verrà il momento in cui litigheremo nella stessa casa. Ma fino ad allora mi sazierà il tuo profumo nell'aria. © LG. 633/1941 © Copyright...
Continua...

I CARE

Posted on by Fabiana Agnello

La paura va in giro respirando l'aria incatenata sulla città. Dimentichiamo faccende, scordiamo i figli e chi si è sporcato le mani impugnando una croce di sangue. Una voce tra le pietre e la terra è defunta sui fogli bianchi: la verità di una vita nell'eternità di parole sepolte. Perché si sappia che la mafia non perdona chi si libera dalla catena. a Marcella Di Levrano, vittima innocente di mafia nel 1990 a Mesagne. © LG. 633/1941 © Copyright testo 2018...
Continua...

Attese

Posted on by Fabiana Agnello

Il mattino rallegra chi attende qualcosa. Io, per esempio, aspetto la fine delle mie battaglie notturne: coi gatti, con una cena pesante e con i pensieri. Prima di addormentarmi dico sempre di chiuderli in soggiorno; certo, potrei evitare di cenare spesso fuori. E per la battaglia più intensa: AAA cedesi testa con parole non ancora usate. © LG. 633/1941 © Copyright testo 2018 Ogni Diritto riservato all'Autrice...
Continua...

Età

Posted on by Fabiana Agnello

Voglio dormire lì, tra le palpebre del suo mare, trascinata dall'antica tempesta di piaceri ancora sconosciuti. E poi risalire dai sotterranei spinta dal vento della primavera che si annuncia nel bocciolo. Scavatemi accanto la fossa dove cadere se mai volessi scappare da questo dolore profondo che ho scelto di assaporare. Sia questo l'ultimo viaggio in giro per il mio mondo, che dopo di lui io possa tornare germoglio. © LG. 633/1941 © Copyright testo 2018 Ogni Diritto riservato all'Autrice...
Continua...

Radici

Posted on by Fabiana Agnello

Salento, Salento mio, sono fatte di mare le tue sillabe che scrivo. Possiedi la ricchezza dell’estate nella dolcezza del fico, nelle gote vermiglie di papaveri e sorrisi bianchi di margherite. Sei blu come le notti stellate che sanno di rugiada al mattino e poi grigio, ora azzurro e turchese, a volte pieno di lacrime sulla scogliera. Per le tue vie passeggiano il tempo e il tannino che stringe l’anima al cascare di aghi di abete sul tuo grembo...
Continua...

Buon Anno

Posted on by Fabiana Agnello

Vi auguro di costruire spazi interiori più ampi e disfarvi della forma. Di pronunciare nomi sempre diversi per meditare sull’assenza e sul ritorno di chi vale la pena far rimanere. Vi auguro di riflettere con profondo senso di disagio all’inutilità di tante ribellioni e agli uomini che uomini non sono. Di sopravvivere alle considerazioni che distruggono e di svegliarvi domani per miracolo. Vi auguro di non addossarvi lo schiacciante peso di chi tenta di ricalcare gli altri. Di...
Continua...

Buon Natale

Posted on by Fabiana Agnello

Soffiate via malumori e rancori che inizi un cammino di eccelsi doni. Apprezzate la vita in questo universo soprattutto l'anima di chi è diverso. Deponete le armi annullando la guerra, siamo tutti fratelli su questa Terra. Rispettate l'uomo, la donna e il bambino non abbandonate nessuno in un angolino, compreso un gatto o un cagnolino. Il mondo questa mattina profuma di Stella: dondola in Bletlemme la culla più bella. Preparate la strada per la gioia e l'amore: sotto al cielo...
Continua...

Terra

Posted on by Fabiana Agnello

Per quanto lontano io possa andare è alla Messapia che voglio poter tornare. Il corpo è fatto di crepuscolo marino, di chiarore color del grano e vigne arrossite al sole ottobrino. Ti ho scoperto da bambina toccandoti organico e minerale, catena della fecondazione degli alberi di olivo. Gocce d’argento secolari forgiate dalla lancia di Atena, portate in volo dai colombi per la pace terrena. Il contadino ti prepara ventre del meridione per portare sulle tavole le delizie della tradizione....
Continua...

L'anima del vino

Posted on by Fabiana Agnello

Andavo raccogliendo una notte le confessioni di un Noè col cuore di vino. Dalla mente cascavano goccia a goccia come il sangue di Bacco pensieri che distillava in parole. Cercava la pace tra gli acini e il modo di ascoltare la terra, di sentirla e presentirla. La moglie se n’era andata portandosi la conoscenza, l’amore e la riconoscenza. Cercava il cammino che lo conducesse a lei coi suoi occhi rurali nascosti nei solchi del tempo; e alternava trincee...
Continua...